La neutralità dei grandi giornali

0

C’è una grande discussione nel paese in merito alla tutela reale dei lavoratori (l’art.18, per intenderci, ma non solo). E cosa ti fa l’onesto giornalista Gian Antonio Stella? Pubblica un’inchiesta fulminante, un vero scoop (Corriere dS giorno 28.09, pag.21) che ci svela un caso paradigmatico nel quale i lavoratori vogliono sfruttare l’azienda grazie alle leggi italiane troppo protettive: “Lo strano caso di hostess e steward che vogliono restare cassintegrati – Meridiana li ha richiamati al lavoro, loro erano negli Usa e hanno fatto causa. Il giudice: insensato”. Leggendo il titolo, devo pensare che l’infelice “Meridiana”, mentre avrebbe bisogno di ore di lavoro, sia costretta a sopportare centinaia di lavoratori che invece vogliono starsene a far nulla sul litorale della Florida. In realtà, leggendo tutto l’articolo, si capisce che si tratta di due (DUE!) provocatori, tra l’altro marito e moglie, “sindacalisti” (si fa per dire …) della Unione Sindacale di Base. [La USB rappresenta le frange più irriducibili dei lavoratori, sempre in polemica con le tre confederazioni].  Ma tutto questo lo scopre solo chi ha la pazienza di arrivare fino a metà del lungo articolo. Ora “Marta e Donato” (Stella li chiama così), che probabilmente hanno intentato la causa a scopo dimostrativo, sono certamente due disgraziati irresponsabili. Lascio a voi definire cosa sia il sig. Gian Antonio Stella.

Share.

L'Autore

Ingegnere, manager e consulente. Consigliere di Amm. SOGEMI spa. Direzione provinciale, Comitato di Tesoreria, Segretario Circolo Milano Futura. Aree di interesse: industria, lavoro, esteri, forma partito.

Lascia un commento