La Talpa Democratica

by Paolo Zinna, 1 commento

di Paolo Zinna
A liste ormai definite, si possono valutare gli effetti del processo di selezione che abbiamo effettuato: quanti parlamentari abbiamo scelto davvero con le primarie? e, per quelli scelti con le primarie, come e dove sono stati scelti (città o hinterland, area piccola o area vasta)? Molti si chiedono quanto hanno contato davvero le Primarie: (continua…)


by Paolo Zinna, 3 commenti

di Paolo Zinna
Commenti in sintesi, in attesa di leggere i voti per seggio: difficile ragionare sul numero dei votanti – peso dell’elettorato di appartenenza che soverchia quello di opinione – grande risultato delle donne – irrilevanza della società civile entro le nostre liste – sfida vera per i parlamentari uscenti – i ruoli entro il partito non danno visibilità – chi riesce a raccogliere le firme ha già vinto – città e hinterland pesano entrambi – importanza delle basi locali. In conclusione, c’è Primaria e Primaria. (continua…)


by Redazione, 3 commenti

di Daniela Pistillo
A detta di numerosissimi commentatori, le ultime primarie della coalizione di centrosinistra per la scelta del candidato premier hanno segnato un punto di svolta nella vita politica del Paese proponendo un modello di partecipazione democratica capace finalmente di contrastare l’ascesa della cosiddetta antipolitica. Ciò è avvenuto per vari motivi, in primis per il fatto che siano state finalmente primarie dal risultato niente affatto scontato. Un altro aspetto molto importante ma purtroppo poco conosciuto di queste primarie è stata la mobilitazione e la partecipazione dei Nuovi Italiani al voto. (continua…)


by Bodini Arturo, 2 commenti

Perché voterò Bersani – di Arturo Bodini
Le primarie del Pd sono iniziate sottotono, ma poi hanno avuto un crescendo impressionante, diventando un evento mediatico di grande rilievo, grazie anche alla candidatura di Renzi. Gli esiti non scontati hanno aiutato. I candidati  hanno rappresentato opzioni politiche tra loro diversificate. E questo è stato voluto da Bersani, anche contro i suoi collaboratori: in un partito plurale il confronto di idee è il collante politico che porta poi a scelte condivise. (continua…)


by Paolo Zinna, 7 commenti

di Paolo Zinna
Tutto come previsto? I voti e la percentuale di Bersani sì (io ho votato per lui, sia chiaro) ma non mi aspettavo i quattro milioni e non mi aspettavo Renzi così alto e Vendola così basso. Emergono il bene e anche il male delle primarie: lo stimolo a “dire la mia” coinvolge quote di cittadinanza che ritrova la voglia di esserci, al di sopra di code, firme fastidiose, due euro; e, in parte, la estrema semplificazione del messaggio che passa (“esperienza contro improvvisazione” oppure “nuovo contro vecchio”).  Ne sono penalizzate tutte le posizioni differenti solo in parte e gli schemi tradizionali (“più sinistra contro meno sinistra”) (continua…)


by Redazione, 1 commento

di Felice Besostri
Soltanto apparentemente non c’è nessun filo, rosso o nero, che leghi gli scenari di conflitto menzionati nel titolo. In realtà l’elemento che più li lega assieme è un elemento mancante: l’assenza di una visione internazionale  della nostra classe politica, anche della sinistra, che pure, tanto ma tanto tempo fa, era sorta sotto il motto “ Proletari di tutto il mondo unitevi!”. (continua…)


by maxmele, 3 commenti

di Massimiliano Mele

Confesso sono stato “bersaniano”, lo sostenni alle primarie precedenti. Non ho dubbi circa la qualità della persona: presidente della regione Emilia-Romagna, un efficace ministro dell’Industria attento ai consumatori, convinto “liberalizzatore” …  In poche parole è certamente un buon segretario, una risorsa vera per il paese.  Allora perché scelgo Renzi? (continua…)


by Redazione, 2 commenti

di Arturo Bodini, Ferruccio Capelli, Antonio Devoto, Francesco Francioso, Sergio Fumagalli, Paolo Zinna

Siamo a pochi mesi dalle elezioni regionali e il centrosinistra deve scegliere un candidato da sostenere. Per queste scelte, la storia degli ultimi anni, lo statuto del PD, ma soprattutto le aspettative dell’opinione pubblica, ci indicano una sola strada: quella delle Primarie,  con gli elettori che si esprimono senza mediazioni. E del resto il PD si è già mosso in questo senso: dichiarazioni di candidature, raccolta delle firme, mobilitazione. (continua…)


by sergiofuma, 5 commenti

di Sergio Fumagalli

Lombardia. Troppe voci sussurrano: “se si candida un candidato eccellente, allora le primarie non si devono fare, gli altri aspiranti devono fare un passo indietro”.  Delle due l’una. O le primarie sono un metodo e valgono per tutti o si torna, per tutti, al vecchio metodo: decidono gli organi dei partiti e delle primarie non si parla più né per il Presidente del Consiglio né per quello della Regione né per il Sindaco. Né oggi, né mai.
E’ contro l’idea stessa di democrazia che le regole dipendano dai candidati a cui devono essere applicate. (continua…)


by Redazione, Nessun commento

di Guglielmo Tomei

Matteo Renzi è venuto al teatro Dal Verme lunedì 29 Ottobre. Nonostante il pienone, grazie ai videoschermi ho potuto seguire bene il discorso del nostro. Dopo Anna Scavuzzo, è iniziato il suo intervento, con scuse per l’insufficiente capienza, ed un primo sintetico elenco di cose da fare subito. (continua…)


by Ferruccio Capelli, 4 commenti

di Ferruccio Capelli
Sono già intervenuto due volte sulla “Talpa democratica” per argomentare la mia opposizione alla candidatura di Renzi. A questo punto è doveroso motivare le ragioni della scelta per Bersani.
Sono tre le motivazioni essenziali. Innanzitutto Bersani, (continua…)


by Ferruccio Capelli, Nessun commento

di Ferruccio Capelli
Si fa presto a dire primarie. In realtà ogni primaria ha una storia e una logica particolare. Vi sono state primarie di coalizione con funzione legittimante,  come nel 2006 per la candidatura di Prodi. Vi sono state le “primarie dei sindaci”, segnate da gravi incidenti a Napoli e a Palermo, ma anche dalla partecipazione e dalla passione a Milano e in tante altre città. Vi sono state anche primarie di partito, come quelle per l’elezione di Veltroni e di Bersani a segretari del PD. (continua…)